Home Page    IpnoLife per te    Ipnosi generale    Il Nostro Staff    Ind. Terapeutiche    Contatti

 

 

 


IpnoLife.it

 




Ipnosi - Psoriasi - Diete

 
Ipnositerapia

Progetto Sperimentale Psoriasi e Ipnosi
Ipnosi - Definizione
Ipnosi - Annessioni
Milton Erickson
Breve Storia dell'Ipnosi
Psoriasi e Ipnosi
Significato della malattia
Ipnosi e alimentazione
Dieta on-line
Richiedi appuntamento
Psoriasi: Casi Trattati
Testimonianze
News

PUBBLICAZIONI

 


TAG CLOUDS

 

ipnosi, ipnologo, ipno, psicologia, ipnosi clinica, psicopatologie, psicoterapie, psicoterapia, PNL, Dieta, Controllo Mentale, Guarire con L'Ipnosi, terapie, sedute, pubblicazioni, curarsi, autoipnosi, ipnotizzare, ipnotizzarsi, ipnositerapia, tabagismo, balbuzie, cefalee, emicrania, psoriasi, colite, asma, stress, disturbi sessuali, Ipnosi Terapia   Disturbi d’ansia

Testimonianza del Sign. V. U.
     

                                                          All’ADIPSO (Associazione per la Difesa degli Psoriasici)

Oggetto : comunicazione nuova terapia per la psoriasi

Sono un vostro ex socio, V. U. ho 52 anni e soffro di psoriasi da 23 anni sono stato in cura presso la seconda università di Napoli (policlinico) per diversi anni. Questa malattia l’ho vissuta con grande sofferenza sia fisica che psicologica. I disagi psicologici li conoscete benissimo soprattutto quando questa società ti mantiene a distanza facendoti sentire come un lebbroso , portatore di “ malattia infettiva” isolandoti completamente . Ho vissuto momenti terribili di solitudine psicologica fino a cadere in uno stato ansioso e di depressione tale da dover ricorrere a cure farmacologiche attraverso un neurologo. Ho usato tutti i farmaci possibili compresi quelli ultimi : Embrel e Remicade . Infatti ho avuto diversi attacchi di artropatia psoriasica, l’ultimo 4 anni fa ed ho utilizzato questi farmaci che sembravano avere un buon risultato ma per gli effetti collaterali li ho dovuti sospendere. Devo dire che sono stato fortunato ad incontrare un ipnoterapeuta nel maggio 2005 e con lui ho iniziato la terapia per la psoriasi iniziando prima dai disturbi psichici e poi da quelli fisici. Attualmente mi sento rinato ho risolto completamente l’ansia e la depressione acquistando una grande fiducia in me stesso grazie all’pnositerapia. Da quando ho iniziato questa nuova terapia non ho avuto più bisogno di farmaci per la depressione e per la psoriasi. Infatti per la psoriasi ho usato solo farmaci emollienti ed idratanti e devo dire che mi sento bene sia psicologicamente che fisicamente. I risultati che ho ottenuto anche a livello di lesioni cutanee, senza l’aiuto di farmaci, sono stati a dir poco eccezionali. Infatti tali risultati Il Dr. Salvatore Piedepalumbo (l’ipnologo che mi sta seguendo) li ha pubblicati e resi noti al VI° congresso di ipnosi medica organizzato dalla società Italiana di ipnosi con il patrocinio dell’ASL NA 5 della Regione Campania, tenutosi a Vietri sul Mare (SA) il 11-12-13 aprile corrente Anno. Attualmente le lesioni stanno progressivamente scomparendo ( ed io sono soddisfattissimo) e stiamo puntando alla guarigione non ho avuto più attacchi di artropatia psoriasica ( senza farmaci) ed ho risolto completamente la depressione , l’ansia e la mancanza di fiducia in me stesso con la sola ipnositerapia. Per questo motivo mi sento di informarvi e tramite Voi di informare coloro che effettivamente vogliono provare questa nuova terapia di rivolgersi all’ipnoterapeuta Dr. Salvatore Piedepalumbo tel: 3384851281 che opera in Pompei e che attualmente che io sappia è l’unico in Italia che sta sperimentando ed ottenendo questi grandi risultati attraverso l’ipnositerapia. I suoi risultati si possono visionare cliccando sul suo sito: www.ipnolife.it . in cui vengono mostrate anche le fotografie del prima e dopo l’ipnositerapia.

Per contattarmi ed avere altre informazioni al riguardo

V. U. tel 3388242251 (dalle ore 15.00 alle 18.00)

---------------------------------------------------------------------------------------------

Un affettuoso saluto
Alessandro Peluso


Salve a tutti,
Mi chiamo Alessandro e ho sofferto di attacchi di panico. Gli attacchi sono incominciati a comparire circa due anni fa, quando, ancora al liceo ero in dirittura d'arrivo per il tanto temuto esame di maturità, quindi potete ben
immaginare il disagio di un ragazzo (all'epoca dei fatti diciottenne) costretto a casa i week end e durante la settimana ad andare a scuola con un senso constante di angoscia, di voltastomaco e sensazioni di sbandamento. Ebbene si inizialmente non manifestavo la vera e propria crisi (che tra l'altro a quanto ho capito é puramente soggettiva) ma con un fastidioso voltastomaco, constante sensazione di vomito e di vertigini. Tanti sono state le visite e gli specialisti consultati, dal neurologo all'otorinolaringoiatra, nessuno riusciva a capacitarsi di cosa avessi, perché testuali parole dei dottori "sei sano come un pesce". Questa situazione mi creava ancora più angoscia e fastidio soprattutto perché i tempo passava, non guarivo e l'esame era alle porte. Cosi sotto prescrizione medica incominciai a prendere dei medicinali per curare le vertigini, ebbi dei giovamenti ma dovuti all'effetto placebo. Ricordo ancora vividamente quando andai all'ultimo consulto neurologico, il dottore mi disse "tutti questi medicinali non servono a niente perché tu stai bene, quindi annullo tutto ... Ti devi solo calmare"; da li fu l'inizio della caduta vertiginosa dei sintomi, da li a breve infatti incominciai a manifestare i primi veri attacchi, che più di una volta mi hanno portato a svenimento. Il mio stato era tale che non riuscivo neanche ad uscire più tranquillamente di casa per paura di sentirmi male cosi iniziai a prendere lo Xanax. Per un periodo di un anno lo Xanax mi ha aiutato a seguire i corsi all'università ed a fare la vita "normale" di un ragazzo divenuto ormai diciannovenne, anche se, non ostante il continuo sedarmi, avevo alti e bassi, fino a che mi decisi ad andare da un dottore che mi prescrisse un medicinale miracoloso che avrebbe dovuto far sparire tutti i sintomi nel giro di un paio di settimane (il principio del medicinale é l' Escitalopram). Fiducioso iniziai questa cura ... Semplicemente fu un incubo. Tantissimi erano gli effetti secondari di questo medicinale, che mi costrinse anche ad andare d'urgenza all'ospedale dato che avevo abbassamenti di pressione uno dietro l'altro anche dopo aver preso quantità industriali del classico "bicchiere con lo zucchero". Ormai la mia vita era ridotta ad uno stato larvale, sempre seduto sul divano a guardare la televisione, impossibilità di dormire tranquillamente in quanto mi svegliavo in piena notte con l'angoscia di sentirmi male, uscire era stato abolito completamente (anche uscire sull'uscio della porta per me era diventato impossibile e NON ESAGERO) cosi come erano stati aboliti una quantità innumerevole di cibi e bevande, la mia dieta si basava esclusivamente su riso in bianco, pasta al sugo e, talvolta, un po di carne in padella, per il resto non tolleravo più niente. In pochi mesi misi su una decina di chili. La decisione di ricorrere ad uno specialista fu presa da mia madre, che incappo' sul sito del dottore. Cosi prendemmo un appuntamento verso giugno (dato che non risiedo più in Italia per motivi di studio). Il primo impatto fu strepitoso, mi sentii subito a mio agio soprattutto perché accolto a una persona gentile, sorridente e che ama molto scherzare. A differenza degli altri dottori non mi ha mai fatto sentire come un paziente con il quale si "provano" delle cure e si vede se funzionano. La mia sensazione era che quando andavo da lui era come andare a chiacchierare da un'amico. Ebbene dopo un'anno e 6 mesi che soffrivo di attacchi di panico, in 10 sedute il dottore mi ha "riportato alla vita". Indubbiamente la mia voglia di superare e buttarmi alle spalle un'anno disastroso era forte, quindi cercavo il più possible di mettere in pratica gli "esercizi" quotidiani ed di usare gli "input" che durante le sedute mi venivano dati. Ora a distanza di un'anno non so ancora come ringraziare il Dottore per avermi ridato la possibilità di fare tutte quelle cose che un ragazzo ha voglia di fare, a volte ci sono periodi in cui sembra che ritornino ma é proprio in quel momento che il dottore mi ha insegnato a fermarmi e pensare a me, ad un me come insieme di cose che hanno tutte bisogno di essere corteggiate, di sentirsi importanti.Forse mi sono dilungato un po' troppo, ma volevo ben raccontare a tutti voi che soffrite di questo problema e non, che se avete realmente la voglia di ritornare a stare bene con voi stessi, non esitate neanche un'instante a contattare il dottore, vi ritroverete di fronte una persona magnifica.

Un saluto Alessandro
Per contatti: borrelli.alessandro@gmail.com

                  

IpnoLife.it ®  2008 Tutti i diritti riservati  -  Web Site by  PUBLITECH

Privacy e Note Legali