Foto n.1 del 16-04-07 Foto n.2 del 25-03-08
Paziente con grave forma di Psoriasi Dopo meno di un anno di terapia
Nella foto n.1 si riporta un paziente affetto da psoriasi volgare da più di 20 anni. Sono state usate diverse terapie farmacologiche con risultati temporanei e scarsi. Circa quattro anni fa ha avuto anche un attacco di artropatia psoriasica. Il soggetto inoltre era affetto da uno stato d'ansia generalizzato, complicato da bassa autostima e dipendenza, seguito da episodi di depressione. A distanza di circa 1 anno la foto n. 2 mostra i risultati con la sola ipnositerapia, eseguita con una seduta settimanale di un ora.
E' interessante notare che oltre al miglioramento delle lesioni cutanee in tutto il corpo, si riscontra una completa guarigione della sintomatologia legata alla sfera psichica del paziente( Ansia, Bassa autostima.Dipendenza, Depressione)
   
Foto n.1 del 16-04-07 Foto n.2 del 08-06-07
Paziente con grave forma di Psoriasi Stesso paziente dopo alcune sedute
   
Foto n 3 del 25-09.07 Foto n. 4 del 29-10-07
Il paziente ha interrotto la terapia Il paziente ha ripreso la terapia
La progressione cronologica di queste foto, mostra l’evoluzione delle lesioni cutanee, in rapporto alle sedute effettuate di ipnositerapia. Già dopo circa sei sedute si nota il miglioramento ( foto n. 1 e n. 2).
Il peggioramento che si evidenzia nella foto n. 3 rispetto alla n. 2 è una conferma indiretta dell’efficacia di questo strumento terapeutico. Infatti questo peggioramento è dovuto alla sospensione della terapia da parte del paziente con le conseguenze negative che si evidenziano. Mentre invece alla ripresa della terapia, dopo un mese circa ( 4 sedute) si nota di nuovo il recupero del processo di guarigione ( foto n.4). Questa dinamicità del processo di guarigione : miglioramento – peggioramento da sospensione - miglioramento per ripresa terapia ipnotica, lo si può notare anche in altre parti del corpo, come mostrano le altre foto. Da ciò si evince che l’ipnositerapia è una terapia sistemica( che agisce su tutto il corpo) a differenza della terapia topica, locale effettuata con creme o pomate od esposizione al sole ,il cui effetto è circoscritto solamente alla zona trattata o esposta.
   
Foto  del 16-04-07 Foto  del 20-09-08
Anche queste foto mostrano il continuo miglioramento di queste lesioni cutanee con la sola ipnosi terapia.
   
Foto n. 5 del 16-04-07 Foto n. 6 del 08-06-07
   
Foto n. 7 del 25-09-07 Foto n. 8 del 29-10-07
Come si vede anche in altre sedi dell'organismo la terapia ipnotica agisce come rimedio globale, coinvolgendo l'intero organismo. La sequenza cronologica delle foto è la stessa delle foto mostrate in precedenza. Anche qui notiamo una conferma indiretta dell'efficacia della terapia ipnotica in seguito al peggioramento che coinvolge la foto del 25-09-07, per interruzione della terapia ( interruzione che va dal 08-06-07 al 25-09-07) con ripresa del processo di guarigione in coincidenza con la continuazione della terapia ( foto del 29-10-07)
   
Foto n. 7 del 25-09-07 Foto n. 7 del 20-09-08
Evoluzione delle lesioni psoriasiche nello stesso paziente. Come si può ben notare, il miglioramento delle lesioni è evidente e continua a progredire. Cosa molto importante, questo miglioramento è dovuto esclusivamente all’ipnositerapia. Il paziente ha usato soltanto pomate emollienti e creme idratanti.
  Foto n. 17 del 08-06-07
Foto n. 16 del 16-04-07  
Paziente con Psoriasi alle gambe Stesso paziente dopo alcune sedute
   
Foto n. 18-del 25-09-07 Foto n. 19 del 29-10-07
Il paziente ha interrotto la terapia Stesso paziente dopo aver ripreso la terapia
 
Anche in questo caso come quelli già citati sopra si vede il miglioramento delle lesioni nella foto n. 17 rispetto alla n. 16 proprio perché c’è stata continuità di terapia, mentre quando si sospende ( periodo dal 08-06-07 al 25-09-07) si nota il peggioramento ( foto n. 18 rispetto alla n. 17). Il miglioramento si ottiene nuovamente con la risposta alla terapia ipnotica in altri distretti corporei (foto n. 19  rispetto alla foto n. 18). Si potrebbe pensare che il soggetto è costretto a rimanere per sempre in terapia ipnotica visto che il suo allontanamento ne causa il peggioramento così come mostrano le foto. Questa obiezione è legittima fin quando il soggetto non è arrivato ancora alla cosiddetta terapia stabilizzante in cui i risultati raggiunti vengono rafforzati ed automantenuti. Da quel momento in poi infatti il paziente può considerarsi libero dall'ipnositerapia.
   
Foto n. 1 del 25-09-07 Foto n. 2 del 10-04-08
Paziente con Psoriasi all'addome Stesso paziente dopo alcune sedute
   
Foto n. 3 del 25-09-07 Foto n. 4 del 10-04-08
Regione lombo-sacrale Stesso paziente dopo alcune sedute
 

Queste foto mostrano ulteriormente che l'ipnosi agisce coinvolgendo l'intero organismo. Il miglioramento infatti si manifesta in maniera globale .In questo caso si vede come la regione addominale e la regione lombo-sacrale rispondono simultaneamente alla terapia ipnotica a differenza quindi della terapia locale attuata con farmaci ad uso topico o l'esposizione ai raggi solari, il cui effetto è limitato solamente alla zona trattata o esposta ai raggi.

L’ipnosi nella terapia della psoriasi

L’ipnositerapia nella psoriasi agisce in primo luogo riducendo lo stato ansioso del soggetto, stato ansioso che di per se è un fattore determinante per la riacutizzazione della malattia. L’ipnosi porta il soggetto a scoprire le grandi potenzialità auto-guaritrici presenti nel suo inconscio. Il paziente durante la trance, viene guidato dall’ipnoterapeuta in un percorso interiore, attraverso tecniche dirette o indirette, con l'uso di visualizzazioni, metafore e fantasie guidate. In questo percorso l'emisfero cerebrale dominante, ( in genere il sinistro) sede della razionalità, del pensiero logico-deduttivo, delle abilità critiche e analitiche viene posto in uno stato di attesa (depotenziato) al contrario viene invece attivato l'altro emisfero (emisfero destro), legato alla creatività, l'intuizione, le emozioni, la visualizzazione e la sintesi. Nel soggetto in stato di trance quindi si osserva un calo dell'attività dell’emisfero sinistro correlate alla vigilanza e alle capacità critiche, mentre sono stimolate le aree relative all’emisfero cerebrale destro. L'ipnosi crea poi un ponte tra mente e corpo grazie all'Ipotalamo, porzione del cervello situata nel sistema limbico ( la parte più interna e "antica" dal punto di vista evoluzionistico). Stimolato dalle suggestioni ipnotiche, l'ipotalamo converte gli impulsi elettrici delle cellule nervose in messaggi ormonali diretti ai vari organi, tramite l’ipofisi . L'elettroencefalogramma dimostra che durante la trance nel cervello aumentano le onde alfa, indicative di uno stato di veglia e di rilassamento al tempo stesso: il soggetto non dorme, ma la sua mente non è impegnata in nessuna operazione razionale. l'ipnosi sembra intervenire poi nella regolazione del flusso sanguigno e di altre funzioni del sistema nervoso autonomo che normalmente non sono sotto il nostro controllo conscio. Si ha quindi la modificazione di organo e d'apparato che porta alla risoluzione della sintomatologia interessata. Per quanto riguarda specificatamente la dermatologia ed in modo particolare la psoriasi si riscontra come la pelle, ricca di terminazioni nervose, è particolarmente sensibile alle sollecitazioni dell'inconscio e di conseguenza a modificazioni morfo-funzionali cutanee. Infatti i pazienti beneficiano ampiamente delle visualizzazioni proposte, che si vanno ad inserire costruttivamente in sensazioni di benessere di freschezza o calore e di rilassamento cosi come particolari visualizzazioni in cui la cute assume diversi stati ad esempio: si fa immaginare al paziente di avere la stessa pelle che aveva da bambino o quando non aveva i sintomi ora presenti, oppure si suggerisce al paziente che le irregolarità della pelle cosi come le squame o le bolle vengano a seccarsi lasciando il posto a strati di derma nuovo e sano. In più l’ipnosi agendo sullo stato ansioso, del soggetto ne riduce la conseguente componente emotiva determinando uno stato di rilassamento e tranquillità (componente importante nel ridurre le lesioni cutanee ed il prurito).